• VISITA IL NOSTRO SITO ASCOLTANDO LA MUSICA DEI VAMPIRI

  • IL PRIMO TEASER DELLA SERIE TV ” IL DIARIO DELLA BESTIA”

  • I VAMPIRI, QUELLI VERI, INVADONO CINEMA E TV

    BENVENUTO SUL SITO UFFICIALE DELLE SAGHE DEDICATE AI REAL VAMPIRES: IL “DIARIO DELLA BESTIA”, “HORUS VAMPIRE SAGA” E “VALLERON SAGA”  PRODOTTI IN ITALIA

    Benvenuti nel sito web ufficiale dedicato alla serie tv e ai film cinematografici dedicati ai Real Vampires, gli unici in tutto il mondo che raccontano dei Real Vampires, i vampiri realmente esistenti, lontano dalle finzioni cinematografiche e dai miti e leggende.

    La Serie TV “IL DIARIO DELLA BESTIA” (The Diary Of The Beast),e i film cinematografici “HORUS VAMPIRE SAGA” e “VALLERON SAGA” nascono da un progetto e da una idea di Davide Santandrea che ha ideato le storie e le sceneggiature delle tre saghe. La serie tv e le due saghe cinematografiche sono attualmente in fase di produzione.

    La serie tv, parla della storia e delle avventure di una coppia di Real Life Vampires,  Jacob e Steve in America (New York e New Orleans) e in Italia (Meldola -FC).

    I 3 film di Horus Vampire Saga invece raccontano la storia incredibile del real vampire italiano Horus Sat nella città di Meldola (FC)e la nascita della comunità vampiro in Italia quale la Lega Italiana Real Vampires.

    Infine i 4 film di Valleron Saga sono dedicati ad  una dolcissima e poetica storia d’amore, con un tocco di triller, di una coppia  “Giulietta e Romeo” di Real Vampires , la cui loro storia d’amore è osteggiata dai Casati delle loro famiglie vampiro d’origine.

    Serie televisiva e Film Cinematografici  sul genere Fantastico, Triller, Drammatico, Sentimentale.

SINOSSI DEL DIARIO DELLA BESTIA – SERIE TV

ATTENZIONE:  I COPYRIGHT DELLE SINOSSI QUI RIPORTATE SONO RISERVATI ALL’AUTORE DAVIDE SANTANDREA E ALLA BLUE SCREEN FILM E LONG BLACK VEIL PRODUZIONI. OGNI ABUSO E UTILIZZO NON AUTORIZZATO VIENE PUNITO IN SEDE LEGALE E CIVILE

IL DIARIO DELLA BESTIA 1 STAGIONE: “IL DARKBLOOD” – 13 episodi

Produzione: GENNAIO – FEBBRAIO 2018

SINOSSI

Un ragazzo italiano, di nome Davide scopre di essere un real Vampire e tutta la sua infanzia, nei ricordi collegati a quando andava a scuola, si collegano al fatto di essere per davvero un vampiro. I ricordi dell’anno di leva passato a studiare le strategia per bere il sangue senza uscire dalla caserma. Poi l’occupazione e l’inizio di un lavoro in Televisione. E il conseguente trasferimento per cinque anni in America a New York. E’ questo l’inizio della storia del real vampire Davide che trasferito a New York scopre che egli non è l’unico real vampire esistente e che in realtà esistono comunità di Real Vampires in tutto il mondo. Nella città americana Davide conosce James che lo accompagna nella realtà dei real vampires newyorkesi. Qui conosce Steve Barnes lo sceriffo – capo del Clan Darblood che lo prende a benvolere e lo accoglie in comunità. A Davide, come è uso nelle comunità americane, durante il rituale di iniziazione e di benvenuto nella comunità dei Vampiri di New York, viene imposto il nome da vampiro che lo accompagnerà per tutta la sua permanenza in America: JACOB NATUR. Tra Steve e Jacob nasce subito un’attrazione che si trasforma nel giro di pochi giorni in una ricchissima storia d’amore. La storia vissuta al Darkblood viene raccontata anni dopo al figlio Christian da un Jacob che è ritornato in Italia e che per qualche misterioso segreto si fa ora chiamare col nome di HORUS SAT. (il segreto sarà poi svelato nel primo film di HORUS VAMPIRE SAGA) A Christian e ai membri del consiglio direttivo della prima LEGA ITALIANA REAL VAMPIRES, ora tutti in pensione e sostituiti da un nuovo consiglio direttivo composto dalla nuove generazioni, Horus racconta tutti i 5 anni di vita vissuti in America tra avventure e pericoli davvero esistiti, trattando problematiche che vanno dalla discriminazione verso le diversità, al problema del bullismo tra i giovani sino ai più recenti problemi legati agli esperimenti di mutazione genetica e al controllo delle masse e della loro privacy attraverso gli impianti sottocutanei di microchip. Mentre Horus si trova a raccontare la storia della sua vita, la LIRV del presente viene attaccata da un clan vampiro rivale, l’ANTRO DEI VAMPIRI, guidato da Felix Bardo il nemico giurato della comunità italiana della Lirv che nella prima stagione viene battuto per la prima volta. La prima stagione quindi si alterna tra il passato di Jacob/horus in America, dove racconta tutte le vicissitudini del clan Darkblood e come lui e il suo compagno Steve hanno dovuto affrontare numerosi nemici della comunità vampiro, e il presente del medesimo in Italia nella città collinare di Meldola (FC).

IL DIARIO DELLA BESTIA 2à STAGIONE: “LA NASCITA DELLA LIRV” – 12 episodi

Produzione: Febbraio – marzo 2019

SINOSSI

La seconda stagione riprende dalle vicende del Dakblood nel 2005. A Jacob arriva la comunicazione dalla direzione della televisione di ritornare in Italia e della conclusione del suo lavoro in America. Jacob e Steve vivono il dramma della separazione forzata e la conclusione della loro storia d’amore. Ritornato in Italia Jacob porta prima alla nascita l’Associazione Human Living Vampires Italiani (AHLVI), ma il primo tentativo di comunità vampiro italiana risulta gestito da degli real vampires esaltati e dopo appena tre mesi di vita Jacob decide di chiudere l’associazione che aveva fondato. Tuttavia Jacob non si arrende e nel 2013 da origine alla moderna associazione Lega Italiana Real Vampires.(LIRV)con i real vampires giusti. Nella seconda stagione abbiamo tutta la storia legata alla nascita di una vera e propria comunità vampiro italiana. Christian, figlio di Jacob, già ventitreenne si trasferisce definitivamente con la sua ragazza a Tokio in Giappone, dove da origine ad una comunità e ad un clan di Vampiri giapponesi. Nella seconda stagione scopriamo anche la nascita del nemico italiano di Jacob, Felix Bardo e il suo dichiarare guerra alla comunità della Lirv. Non mancheranno momenti in cui Steve e alcuni amici del Darkblood torneranno in Italia a trovare Jacob ed aiutarlo in alcune battaglie italiane.

IL DIARIO DELLA BESTIA 3à STAGIONE: “RITORNO ALLE ORIGINI” – 12 episodi

Produzione: Febbraio – Marzo 2020

SINOSSI

Dopo l’ennesima vittoria dei Real Vampires e la sconfitta degli scienziati votati all’idea di creare super uomini con la mutazione genetica, i real vampiri del Darkblood capitanati da Steve salutano Jacob e il consiglio direttivo della Lirv e ritornano a New York. Cessato il pericolo Jacob saluta i Metuli ritornati in vita che ora abitano il castello di Meldola a pochi passi dalla sua casa e dalla sede nazionale della Lirv. Decide quindi di ritirarsi nuovamente nella sua consueta solitudine sperando in un periodo di pace duratura. Un giorno alla porta della sua abitazione suona un ragazzo sulla trentina d’anni di nome Riccardo. Jacob lo accoglie in casa propria e scopre che anch’egli è un Real Vampire. Tra Jacob e Riccardo c’è subito una intesa che poi sfocia dopo qualche tempo in una nuova relazione d’amore. Riccardo è un ricercatore sulle origini della storia dei Real Vampires e soprattutto della storia dei vampiri originali. Con Riccardo, Jacob parte alla riscoperta dei primi real vampires collegati al primo Adamu (della stirpe degli Adamiti, vedere la Bibbia e i testi di Zecharia Sitchin e Mauro Bigliono) creati dagli Anunnaki. Ripercorrendo la strada della storia degli originali vampiri, Jacob e Riccardo vengono a conoscenza dell’esistenza di nuovi casati e congreghe di vampiri, tra cui il casato dei vampiri di Delphi in Grecia. Jacob e Riccardo si recano a Delphi per indagare sulla reale esistenza di questo casato. La presenza e l’indagine di Jacob e Riccardo viene presa come un affronto dal guardiano dei vampiri del casato, di nome THEUS, che li arresta e li fa imprigionare nelle segrete del loro covo. Il consiglio dei vampiri di Delphi decide che Jacob e Riccardo devono morire perchè conoscono ormai troppi segreti della comunità vampiro di Delphi di cui era tenuta segreta l’intera esistenza. Jacob e Riccardo vengono quindi condotti nella sala del Dio di Delphi per il sacrificio agli dei. Il loro sangue avrebbe soddisfatto gli antichi Dei e anche i vampiri del clan. Nel momento in cui Jacob e Riccardo stanno per essere sacrificati, l’antico Dio ADE di Delphi, signore degli inferi, appare sotto forma umana, ovvero il suo spirito reincarnato in un essere umano dai poteri extrasensoriali, per vivere una nuova vita, e riconosce in Jacob l’antico Dio egiziano Horus, il cui spirito si è reincarnato nel corpo di Jacob. Il Dio ADE riconosce in Jacob l’antico spirito del Dio Anunnaki a cui fu dato il nome di Horus, essendo egli stesso un Anunnaki capace di riconoscere i suoi simili e ferma immediatamente l’esecuzione prima che sia troppo tardi. I vampiri della congrega seguono gli ordini e liberano immediatamente Jacob e il suo compagno Riccardo, offrendo a loro cibo e allietando la loro siesta con danze greche. Ade chiede a Horus e Riccardo qual’era il motivo che li aveva spinti lì in Grecia a Delphi. Jacob e Riccardo parlano quindi della loro iniziativa sulla ricerca delle origini dei real Vampires legate agli Anunnaki e al primo essere umano ADAMU da cui i real vampires sembrano discendere. Ade decide di aiutare la ricerca dei due Real Vampires offrendo in dono a Jacob e alla comunità vampiro italiana un’ampolla sigillata con all’interno del sangue vecchio di millenni che non si coagula. Ade spiega che secondo la tradizione e la leggenda quel sangue contenuto nell’ampolla non è umano ma è il sangue Anunnaki di En.Ki usato per creare il primo Adamu, il real vampire originale appunto, creato prima del “Sapiens”, ovvero l’uomo intelligente e moderno. Quel sangue è il puro sangue originale degli Anunnaki. L’ampolla è stata conservata nel più assoluto segreto e silenzio, è passata in mano a diverse congreghe dei vampiri originali egiziani sino alla sua scomparsa. Un archeologo un giorno, scavando nella tomba di Osiride recentemente scoperta, trovò questa ampolla con il sangue all’interno di essa e la portò nel museo egizio del Cairo. Nelle notti successive il museo del Cairo fu oggetto di un saccheggio e l’antica ampolla scomparve nuovamente. Un vampiro della comunità di Delphi la ritrovò recentemente in un mercatino nella capitale greca e acquistata l’aveva portata nella congrega per offrirla in dono ad Ade. Secondo la leggenda chi beve il sangue non coagulato conservato all’interno dell’ampolla, diventa come un Dio, come un vero Anunnaki, ritornando a vivere come il primo ADAMU, vale dire sino a 930 anni, secondo quando scritto nella Bibbia e in molte ricerche storiche, con gli stessi poteri e capacità di EN.KI. Questo, spiega a loro ADE, si ricollega alla mitologia e alla leggenda per cui il vampiro sarebbe immortale per alcuni popoli, più legato alla genetica che alla immortalità vera e propria. Jacob e Riccardo si chiedono il perchè di questo dono e perchè non sia lo stesso ADE a conservare l’ampolla. Ade risponde che la Grecia non è più il luogo sicuro dove conservarla e che quindi doveva cambiare il luogo di protezione, e secondo ADE l’Italia poteva essere il luogo più adatto per ri-nasconderla e tutelarla. Jacob e Riccardo decidono di rispettare il desiderio di Ade e di nascondere l’antica ampolla con il sangue Anunnaki in Italia. Ritornati a Meldola, Jacob e Riccardo decidono di nascondere l’ampolla nell’antica cripta gotica sotto la stessa casa di Jacob, almeno fino a quando non avrebbero trovato un luogo ancor più sicuro per tutelarla. Entrati nella cripta decidono di nascondere l’ampolla del sangue dentro il soffitto di mattoni fatto ad arcate della cripta togliendo un mattone, nascondendo all’interno l’ampolla e rimettendo il mattone al suo posto e stuccando il tutto. Un minuscolo simbolo appena visibile (occorre cercarlo con moltissima attenzione ) che rappresenta i due serpenti attorcigliati elicoidalmente attraverso un asse verticale, proprio come l’antico simbolo di Enki, utilizzato poi come simbolo del DNA umano,della medicina,delle farmacie e degli ospedali, avrebbe ricordato a Jacob dove l’ampolla era stata nascosta.

Commenti chiusi